News

La nostra selezione di News riguardanti la sostenibilità ambientale, la mobilità urbana e le iniziative sulle tematiche green.

“Tom Tom Traffic Index”: la situazione del traffico in Italia e nel mondo nel 2018

— Monday, 08 July 2019

Roma è conosciuta per essere una delle città più trafficate d’Italia e non si tratta solo di fama. A certificare questo suo status, difatti, ci ha pensato il “TomTom Traffic Index 2018”, il report che fotografa la situazione del traffico in 403 città di 56 paesi nel mondo.

La Capitale, nello specifico, si è posizionata al primo posto nella classifica italiana, per il suo essere una città nella quale gli automobilisti trascorrono in media il 39% del tempo in più nel traffico. A seguire: Palermo (35%), Messina (32%), Genova (31%) e Napoli (30%).

Guardando elle altre città europee, invece, Roma è la 31esima per livello di traffico a livello globale, Londra la numero 40, Parigi la 41 e Madrid la 228.

La situazione di Roma e Milano

Le vie più trafficate di Roma, nel dettaglio, sono: via di Torrevecchia, via del Foro Italico, via Cassia, via Gregorio VII, la Tangenziale Est e via di Boccea; mentre le ore di picco di traffico sono le 8,00 e le 18,00.

Rispetto al 2017 ha avuto un aumento del + 2% e i momenti peggiori per gli automobilisti durante la settimana lavorativa sono il martedì e mercoledì mattina e il giovedì sera. Il giorno migliore, bensì, è il venerdì.

Sesto posto della classifica nazionale per Milano (103esimo a livello globale), con una percentuale di traffico invariato rispetto al 2017. Le vie più trafficate del capoluogo lombardo sono: Corso XXII Marzo, viale Regina Margherita, viale Bianca Maria, via Andrea Solari, viale Corsica e viale Luigi Majno. Le ore di punta per il traffico sono: le 8,00 e le 18,00, con il lunedì mattina e il giovedì sera che si registrano come le fasce orarie più difficili, a differenza del lunedì sera e il venerdì mattina che sono le migliori.

Mumbai la città più congestionata

Nel report pubblicato dalla TomTom, tuttavia, l’indiana Mumbai è la prima della classifica globale per livello di congestioni, con gli automobilisti indiani che trascorrono in media il 65% di tempo in più del dovuto nel traffico.

La seconda posizione, a livello globale, è per colombiana Bogotà (63%), con a seguito Lima in Perù (58%), Nuova Delhi in India (58%) e la capitale russa Mosca (56%).

Mosca, inoltre, è la prima città europea più trafficata, mentre Istanbul è al secondo posto (53%), seguita da Bucarest (48%), San Pietroburgo (47%), Kiev (46%), Bruxelles (37%), Londra (37%) e Parigi (36%).

I trend degli ultimi anni

Dal report si può notare che, negli ultimi 10 anni, la congestione del traffico a livello globale è cresciuta quasi del 75%, che le città incluse da TomTom mostrano livelli di traffico in crescita o stabili tra il  2017 e il 2018 (con solo 90 città che registrano una diminuzione misurabile) e che emergono differenze significative tra i continenti: in Asia c’è stata una diminuzione nei livelli di congestione con un abbassamento significativo a Jakarta (-8%), mentre in Sud America c’è stato un generale incremento (il più importante è stato a Lima, Perù (8%).

Le 5 città più congestionate del Nord America, invece, sono state Città del Messico (52%), Los Angeles (41%), Vancouver (38%), New York (36%) e San Francisco (34%).

Le misurazioni in 10 anni

Tom Tom ha raccolto informazioni relative al traffico per circa 10 anni e questo la porta a essere un affidabile indicatore di traffico nelle aree urbane ed extra urbane, a livello mondiale, fornendo informazioni dettagliate sull’impatto che il congestionamento del traffico ha sui tempi di percorrenza nelle diverse città.

I dati raccolti, inoltre, consentono un continuo miglioramento dei servizi offerti dall’azienda nell’ottica della mobilità del futuro, come ad esempio mappe ad alta definizione per veicoli a guida autonoma, efficienza nel percorso e ricarica dei veicoli elettrici.