Mobility Budget
BLOG

05.04.2023

Bonus Trasporti, al via le richieste degli abbonamenti.

Fino a 60 euro per abbonamenti annuali o mensili su autobus e treni.

CHE COS’È IL BONUS TRASPORTI 2023

Il Bonus trasporti fa parte del pacchetto di misure contenute nel Dl n. 5/2023, più noto come con il nome di decreto Carburanti, successivamente convertito con modificazioni nella legge n. 23 del 10 marzo 2023, e può vantare una dotazione finanziaria pari a 100 milioni di euro. Il provvedimento è pensato soprattutto per aiutare le persone economicamente più fragili e maggiormente colpite dal rincaro dei prezzi dei prodotti energetici. Ma allo stesso tempo, incentivando l’uso dei mezzi pubblici a scapito dei veicoli privati, produrrà ricadute positive anche dal punto di vista della sostenibilità sociale e ambientale.


COME FUNZIONA? Come già anticipato, il Bonus trasporti 2023 è utilizzabile per l’acquisto di abbonamenti annuali o mensili relativi ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, oppure per i servizi di trasporto ferroviario nazionale. Il buono può essere pari fino al 100% della spesa da sostenere ed è riconosciuto, in ogni caso, nel limite massimo di 60 euro per ciascun beneficiario a seguito dell’acquisto, effettuato entro il 31 dicembre 2023, di un solo abbonamento, annuale, mensile o relativo a più mensilità per volta (con esclusione dei servizi di prima classe, executive, business, club executive, salotto, premium, working area e business salottino). Importante: possono richiedere il Bonus trasporti 2023 solamente le persone fisiche che nell’anno 2022 hanno conseguito un reddito complessivo non superiore a 20.000 euro. Si potrà richiedere per sé stessi o per un beneficiario minorenne a carico fiscalmente.


COME RICHIEDERLO?

Passiamo adesso alle modalità operative. Per richiedere il Bonus trasporti 2023 bisognerà accedere, esattamente come l’anno scorso, al portale www.bonustrasporti.lavoro.gov.it gestito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. L’accesso al portale aggiornato al 2023 sarà possibile esclusivamente tramite SPID o CIE e al momento di formulare la richiesta si dovranno fornire le necessarie dichiarazioni sostitutive di autocertificazione, indicando nel contempo l’importo del buono richiesto a fronte della spesa prevista, nonché il gestore del servizio di trasporto pubblico. Il buono emesso tramite il portale risulterà spendibile presso un solo gestore dei servizi di trasporto pubblico e dovrà essere utilizzato entro il mese di emissione presentandolo alle biglietterie del gestore del servizio selezionato, il quale, a sua volta, ne dovrà verificare la validità accedendo al portale del Ministero. In caso di esito positivo sarà subito rilasciato l’abbonamento richiesto e il gestore provvederà a registrare sul portale l’utilizzo del buono, indicando l’importo effettivamente fruito dal beneficiario stesso.

0%